IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
Offline
L2
Messaggi: 121
Iscritto il: 18 giu 2014, 12:38
Località: Roma

IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da woodenleg69 03 mar 2015, 14:31
Ciao a tutti, durante un viaggio in US costa West sono venuto in possesso della seguente ricetta che condivido con tutti. Io l'ho prodotta Domenica :)

si tratta di una birra di media difficolta di produzione di circa 7 gradi, rossa, con amaro pronunciato, molto luppolata caratterizzata da profumi agrumati dovuti al cascade, centennial, columbus e amarillo, i luppoli vanno inseriti in dry hopping (ovvero durante il primo travaso, senza bollirli).

Ricetta per Bear Republic Racer 5, litri finali 24.0
efficienza 70%, bollitura 60 min.
OG 1.065; IBU: 45.9; EBC: 16;
Malti:
5000 gr Pale, 1.030;
1000 gr Wheat (Orzo Maltato), 1.030;
150 gr CaraPils, 1.030;
200 gr Crystal 150L, 1.030;
500 gr Zucchero di canna, 1.046;

Luppoli e altro:
20 gr Columbus, 17.2 %a.a., 60 min, Kettle;
20 gr Centennial, 9.4 %a.a., 60 min, Kettle;
10 gr Cascade, 7.3 %a.a., 0 min, Dry;
15 gr Amarillo Gold, 8.9 %a.a., 0 min, Dry;
10 gr Columbus (Tomahawk), 17.2 %a.a., 0 min, Dry;
20 gr Centennial, 9.4 %a.a., 0 min, Dry;

Lieviti:
fermentis US05

Mash Steps:
66 °C 90 minuti
72 °C 15 minuti
78 °C 15 minuti
Avatar utente
Offline
L4
Messaggi: 698
Iscritto il: 01 lug 2014, 9:44
Località: Albano Laziale

Re: IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da asimmetrico 04 mar 2015, 7:57
Ciao,
So che hai esperienza, quindi ti dico francamente che mi lascia perplesso. Non per la bontà della ricetta, che sicuramente sarà ottima, ma per l'attinenza allo stile.
Come sai IPA è uno stile inglese (a differenza dell'Apa) quindi è strano vedere luppoli americani. Sempre per restare sul luppolo, due da amaro hanno poco senso, dopo 60 min contribuiscono poco all'aroma. Nessun luppolo da aroma. Il dry hopping darà un buon profumo ma nessun sapore (be questo dipende dai gusti). Il grano mi sembra completamente fuori stile. La IPA non deve avere schiuma, deve essere limpida (non vedo neanche il protein rest nello schema) e dovrebbe evitare sentori aciduli.
Ultimo a me non piace lo zucchero nella birra. Ma questo è personale (comunque non c'è nello stile).
Ultimo, ma forse più importante è il lievito dove sarebbe meglio lo S04 un po' di diacetile sarebbe desiderabile.
Il riferimento è questo http://www.bjcp.org/2008styles/style14.php

Comunque sarà decisamente buona

Al
Avatar utente
Offline
L2
Messaggi: 121
Iscritto il: 18 giu 2014, 12:38
Località: Roma

Re: IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da woodenleg69 04 mar 2015, 10:42
Ciaooooo

Al hai ragione su molti punti... a las vegas chiamato IPA tutte le birre molto luppolate e con buona gradazione. Noi le chiamiano APA (American Pale Ale). quindi è vero non IPA nel senso di indian pale ale ma IPA nel senso americano (ho trovato riferimenti a questo nuovo stile IPA nell'ultimo libro di bertinotti, http://www.bertinotti.org/ricette-per-tutti-gli-stili/).

In accordo sul doppio luppolo a 60 minuti, e sul fatto che manca la parte di aroma. considerando lo stile US05 va bene. Sullo zucchero un po per birre forti io generalmente lo uso per le belgian, mai sulle IPA ma... la ricetta è copiata, quindi sono andato sulla fiducia.

per la ricetta si trova anche su internet anche se io l'ho presa in un punto vendita... eccola è simile http://www.homebrewtalk.com/f12/bear-re ... ndex2.html ma va convertita in unita nazionali.

ti faccio sapere come viene :)
Avatar utente
Offline
L4
Messaggi: 698
Iscritto il: 01 lug 2014, 9:44
Località: Albano Laziale

Re: IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da asimmetrico 04 mar 2015, 11:50
So che sai di cosa si parla, per questo mi sono permesso di commentare.

Il brutto è che di fronte ad una IPA che di IPA non ha nulla nessuno si scandalizza.
Se invece si trova un CHIANTI DOC prodotto con uve Trebbiano e Shiraz coltivate in Sicilia (e credimi è esattamente la stessa cosa della ricetta che hai postato) qualcuno va in galera.

Se quella birra viene chiamata genericamente ALE va benissimo ma non chiamiamola Chianti :)

Ciao

Al
Avatar utente
Offline
L2
Messaggi: 121
Iscritto il: 18 giu 2014, 12:38
Località: Roma

Re: IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da woodenleg69 05 mar 2015, 13:16
sarebbe English ALE perche c'è il Pale il crystal pure ed un pizzico di zucchero a volte ci sta.
ma è anche APA perche il lievito è pulito ed i luppoli sono US con il loro profumo
poi sarebbe IPA per il pronunciato amaro, e la gradazione più forte

insomma io l'ho battezzata "ORSA" speriamo solo che sia buona :)
Avatar utente
Offline
L4
Messaggi: 698
Iscritto il: 01 lug 2014, 9:44
Località: Albano Laziale

Re: IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da asimmetrico 05 mar 2015, 13:57
Il BJCP è l'authority generalmente riconosciuta che raccoglie le definizioni degli stili.
Uno stile può essere menzionato se rispettato al 100% altrimenti è un'altra cosa (non puoi dire questo vino è un Chianti perchè è rosso, c'è ben altro).
A mia conoscenza non c'è alcuno stile Inglese, Tedesco e Americano che ammette la presenza di zucchero tra gli ingredienti.
Viene usato quasi esclusivamente nelle specialty beers e belghe (solo alcune) altrimenti viene considerato una sofisticazione.

A livello amatoriale possiamo giocare con i termini e prenderci licenze poetiche ma se si fa sul serio è diverso.

Quello che non capisco, ma è un mio limite, sono le aggiunte di zucchero e miele. Non apportano ne sapore ne corpo, aumentano solo il livello alcolico a prezzo di una secchezza (per me sgradevole) della birra.
Posso capire una Peroni o una Heinneken che per ridurre i costi aggiungono zucchero o mais e buttano dentro orzo 6 row (che altrimenti sarebbe indigesto).
Visto che noi homebrewer la facciamo per il nostro piacere (perchè se vogliamo birra a basso costo è meglio andare in un discount) perchè non si aggiunge un Kg di malto in più se proprio vogliamo i gradi e magari abbassiamo un pò la temp di mash per ridurre il corpo (se la vogliamo più acquosa). Gli stili comunque già lo prevedono, quindi non c'è alcuna esigenza di usare zuccheri semplici.

Su una cosa non sono assolutamente daccordo. Lo US05 con le inglesi non ci sta proprio. Troppo pulito, troppo pochi esteri, poco diacetile. Sono due elementi che sono sempre presenti, anche se in misura più o meno marcata, nelle birre inglesi.

Poi lo ripeto, noi HB facciamo quello che ci piace. Lo facciamo per noi e non deve necessariamente aderire ad uno stile.
Sull'ORSA sono daccordo. Puoi sottoporre lo stile al BJCP. Chissà che non venga accettato :)

Ciao

Al
Avatar utente
Offline
L2
Messaggi: 121
Iscritto il: 18 giu 2014, 12:38
Località: Roma

Re: IPA made in USA - ricetta

Avatar utente
da woodenleg69 05 mar 2015, 17:07
S04 per english/bitter
US05 per APA/American beer

ma personalmente US05 è quello che mi piace di più anche per le IPA inglesi..dove predomina l'alcool ed il profuno di luppoli erbacei (est kent etc.)
Visualizza ultimi messaggi: Ordina per

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Vai a